Coronavirus, Manerbio: protezioni dai bar cinesi e medici militari

Ieri il sindaco e presidente della Provincia Alghisi ha accolto i dispositivi e gli operatori sanitari arrivati.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 1 aprile, l’Associazione dei bar cinesi in Italia ha consegnato a Manerbio, nella bassa, un’ingente donazione di dispositivi e materiale sanitario destinata all’ospedale del paese e che nell’ambito dell’azienda socio sanitaria del Garda si sta occupando dei malati da coronavirus. “Una parte di questi dispositivi – ha detto il presidente della Provincia e sindaco di Manerbio Samuele Alghisi – sarà messa anche a disposizione della Protezione Civile provinciale da destinare ai volontari bresciani.

Ringrazio il presidente dell’Associazione, Yanjun Wang, per la solidarietà e l’attenzione dimostrata alla nostra provincia. In momenti cosi difficili è fondamentale che gli operatori sanitari lavorino in sicurezza e questa donazione di guanti, mascherine e camici è davvero preziosa”.

Lo stesso presidente e sindaco di Manerbio ieri ha anche accolto il contingente di sette tra psichiatri, infermieri e medici militari destinati proprio all’ospedale del paese e a quello di Leno. Si tratta della parte dei dodici operatori sanitari militari che sono stati attribuiti alle strutture dell’Asst del Garda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.