Quantcast

Bomba tav, disinnesco l’8 novembre

In 800 metri saranno evacuate oltre 1.500 persone dalle 8 alle 16. Verrà bloccato tutto, compresi i treni. Lunedì 7 settembre incontro in Loggia.

Più informazioni su

Bomba guerra(red.) Sarà un’operazione quasi senza precedenti quella di disinnesco della bomba da 113 chili risalente alla seconda guerra mondiale e trovata a giugno nei cantieri della Tav a Brescia. Il giorno scelto è domenica 8 novembre quando oltre 1.500 residenti in 800 metri da via Rose a via Livorno e dall’Ortomercato a via Dalmazia dovranno lasciare le case dalle 8 alle 16 e non si potrà percorrere la zona. In quello spazio ci dovranno essere solo gli artificieri. La decisione è stata presa in una riunione convocata mercoledì 2 settembre con tutti gli enti coinvolti, dalla polizia ferroviaria a quella locale, carabinieri ed Enac. Quel giorno, tra l’altro, non potranno circolare nemmeno i piccoli aerei a 500 metri di altezza.
Era previsto tra settembre e ottobre, ma per non disturbare la circolazione dei treni verso l’Expo che chiude a fine ottobre e alzare la sicurezza sul posto si è scelta quella data. Il Decimo Genio guastatori di Cremona avrebbe svolto alcuni sopralluoghi sulla zona, certificando il fatto che l’ordigno non si può spostare perché contiene un liquido e solo l’8 novembre si vedrà il tipo di reazione. In quel periodo di tempo, insomma, nei quartieri Primo Maggio, Don Bosco e Chiesanuova non dovrà esserci nessuno. Per lunedì 7 settembre è stato convocato un incontro a palazzo Loggia per organizzare l’operazione. La viabilità dell’8 novembre, infatti, dovrà essere modificata in quel pezzo di città e si devono trovare strutture di accoglienza per i residenti. Probabilmente si opterà su chiese, centri sportivi e scuole chiuse di domenica. In ogni caso dal Comune arriveranno le lettere ai residenti che devono evacuare la zona e le istruzioni da seguire.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.