Quantcast

Guida Michelin, prima stella per “Da Nadia”

Il ristorante a Campagna di Castrezzato è una "new entry" della "Rossa". Nel Bresciano 13 locali stellati, in vetta c'è il "Miramonti l'altro" di Concesio.

Più informazioni su

(red.) Tra le eccellenza della gastronomia italiana segnalate nella Guida Michelin 2012 c’è anche “Da Nadia”, ristorante a Campagna di Castrezzato (Brescia) che propone una cucina di pesce declinata  secondo la tradizione ittico-romagnola.
Il locale di Nadia Vincenzi è una new entry ed ha conquistato una stella, prestigioso riconoscimento nella classifica dei best italiani, al cui vertice si colloca Massimo Bottura, chef de ‘L’Osteria francescana’ di Modena, già premiato anche dalla Guida dell’Espresso e da quella del Gambero Rosso, che si è aggiudicato le tre stelle.
La ‘Rossa’ ha anche incoronato quattro nuovi ‘due stelle’ che ora sono diventati 38 (tra questi c’è Vissani) e 33 nuovi ‘una stella’ per un totale di 250. In tutto i ristoranti italiani apprezzati, a vario titolo di stelle, dalla Guida sono quindi 295, con un incremento del 30% negli ultimi sei anni.
Per quanto riguarda il primato regionale, la Lombardia è la regione più stellata (56 esercizi) tra cui spiccano , ‘Da Vittorio’ a Brusaporto (Bergamo), ‘Dal Pescatore’, a Canneto sull’Oglio (Mantova), seguita dal Piemonte. Al terzo posto, a pari merito, Campania ed Emilia.
Altro punto forte del baedeker (che ha passato in rassegna 3384 alberghi, 380 agriturismi e 2729 ristoranti) e’ il ‘Bib Gourmand’, segno che contraddistingue gli esercizi con il miglior rapporto prezzo/qualità nel mangiare (meno di 30 euro): in tutto sono 260.
Tornando al Bresciano, la “Rossa” ha anche assestato qualche colpo negativo: l’Artigliere di Davide Botta ha perso infatti la stella assegnatagli precedentemente.
In vetta ai migliori ristoranti si conferma, con due stelle, il “Miramonti l’altro” di Concesio, e, con una stella, “Da Nadia”, l’ “Ortica” di Bedizzole, il «”Gambero” di Calvisano, il “Due Colombe” di Corte Franca, l’ “Esplanade” di Desenzano, il “Villa Fiordaliso” a Gardone Riviera, il “Villa Feltrinelli” dell’omonimo hotel e il “Tortuga” a Gargnano, il “Capriccio” di Manerba, il “Quintessenza” di Moniga, il “Leon d’oro” di Pralboino e la “Rucola” di Sirmione. Nella lista dei “Bib Gourmand” ci sono poi Villa Aurora a Soiano e il Cortiletto a Toscolano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.