Quantcast

Tremosine, 112 mila euro via dal parchimetro: comandante assolto

Non avrebbe commesso il fatto l'agente di Polizia locale che era finito alla sbarra. Accusa aveva chiesto 6 anni.

(red.) Finito alla sbarra con l’accusa di aver sottratto 112 mila euro in monete dalle casse del parchimetro presente all’unico parcheggio per turisti a Campione di Tremosine, sull’alto lago di Garda, è stato assolto per non aver commesso il fatto. Scagionato da ogni accusa, quindi, il comandante della Polizia locale Nicola Oliari che era stato rinviato a giudizio per appropriazione indebita.

L’accusa per lui aveva chiesto 6 anni di reclusione perché l’agente, secondo gli inquirenti, avrebbe sottratto ogni giorno fino a 80 euro per quattro anni, dal 2010 al 2014, prima che arrivasse una frana.

Non si è mai capito che fine abbiano fatto quelle monete, ma in sede di processo è stato dimostrato che le chiavi di quel parchimetro non erano solo in mano al comandante, ma anche ad altre 4-5 persone. L’agente di Polizia, nonostante il processo, non ha mai ricevuto un provvedimento disciplinare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.