Quantcast

Massardi (Lega): “200mila euro per le Associazioni Combattentistiche lombarde”

Più informazioni su

(red.) Regione Lombardia dà il via al bando in favore delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e delle Forze dell’Ordine finalizzato a sostenere progetti in ambito sociale, culturale e di sicurezza. Nel merito è intervenuto Floriano Massardi, vicecapogruppo della Lega al Pirellone.

 

“Grazie a questi fondi saranno finanziati progetti in ambito culturale, educativo, di promozione sociale e di sicurezza. La dotazione finanziaria è di 200.000 euro. Il contributo, erogato a fondo perduto, potrà giungere fino a 15.000 euro di finanziamento in favore di ogni progetto.
Potranno essere finanziati, in ambito culturale progetti che prevedano lo svolgimento di manifestazioni, mostre e convegni che celebrino momenti salienti della storia lombarda e della storia delle forze armate e delle forze di polizia. In ambito sociale e di sicurezza si potranno finanziare invece progetti inerenti iniziative di cooperazione con le istituzioni locali atti alla diffusione della cultura della legalità e della sicurezza. È prevista inoltre la possibilità di finanziare gli interventi di manutenzione e riparazione delle sedi delle Associazioni stesse”.

“Con l’apertura di questo bando si conclude un lungo percorso, avviatosi in Commissione e passato dall’approvazione della legge regionale nel febbraio 2020, che ho seguito sin dai suoi inizi e di cui sono molto orgoglioso. Finalmente potremo intervenire a livello regionale in favore di queste importanti realtà associative del nostro territorio con risorse rilavanti. Il mio auspicio è che questo bando possa contribuire ad un maggiore e più ampio radicamento territoriale delle Associazioni combattentistiche spesso fondamentali per il sostegno dato ai piccoli comuni. Il loro ruolo è prezioso e va valorizzato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.