Quantcast

Irpef, la “no tax area” si allarga

La Loggia sta studiando una nuova ipotesi per l' applicazione dell'imposta. Esenzione per chi ha un reddito sotto i 15mila e un'unica aliquota per tutti gli altri.

Più informazioni su

(red.) Entrata in vigore come “una tantum” allo 0,20% l’aliquota Irpef verrà “calibrata” in modo differente nel 2012. Almeno, secondo le intenzioni della Loggia che sta lavorando alla differenziazione della “nuova “ imposta a carico dei contribuenti.
L’assessore al Bilancio del Comune di Brescia, Fausto Di Mezza, in occasione della seduta della Commissione consiliare sull’illustrazione del bilancio previsionale 2012-2014, ha annunciato una nuova ipotesi che prevede di estendere l’esenzione dal pagamento per coloro che guadagnano meno di 15mila euro. Unica condizione posta dall’amministrazione è che però si arrivi a raggiungere la quota di 14 milioni di euro, cifra necessaria a coprire la rata del mutuo della metropolitana.
A sottolineare dunque, come già affermato in passato, che l’imposta “serve” a pagare il metrobus, una “tassa di scopo” per sostenere i costi dell’infrastruttura in fase di realizzazione che dovrebbe entrare in funzione all’inizio del 2013.
La nuova proposta di Di Mezza verrà presentata anche all’opposizione, dopo avere ottenuto il placet del Pdl e anche dell’Udc, prima di intervenire con una nuova delibera. Non si opporrebbe alla nuova formulazione nemmeno la Lega Nord. L’ipotesi della Loggia è quella dunque di ampliare la “no tax area” per i cittadini di Brescia che non raggiungano un imponibile di 15mila euro e mantenerne una unica per tutti gli altri.
Nessun meccanismo progressivo di contribuzione quindi, come ventilato tempo fa, ma due blocchi contributivi: esenzione epr redditi inferitori ai 15mila euro e un unicum per tutti gli altri. Secondo i calcoli della Loggia, in questo modo, risulterebbe esentato il 28% della popolazione.
Ancora da fissare invece il nuovo tetto dell’aliquota che potrebbe essere dello 0,40% o anche, ma qui la discussione è ancora aperta, dello 0,50%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.