Quantcast

Ghedi: 71 croci, come le vittime della strada

Domenica 18 maggio in piazza Roma si è svolta la tradizinale "Manifestazione delle croci" per ricordare le vittime che hanno perso la vita quest'anno.

(red.) In dieci anni le vittime della strada si sono molto ridimensionate. Eppure anche nel 2013, sono state 71 le persone che sono morte sull’asfalto bresciano. Per ricordare loro e per sensibilizzare gli automobiliti al pericolo che si corre dentro l’abitacolo, domenica 18 maggio a Ghedi si è tenuta la “Manifestazione delle croci”.
Settantuno croci di legno  sono state temporaneamente erette sul ciotolato di piazza Roma, proprio a simboleggiare le vittime della strada. Su ciascuna di esse è stata posta una foto con il nome della vittima che siimbileggiava. Sotto alcune di esse qualcuno ha poi deposto un mazzo di fiori.
Dopo la deposizione delle croci,parenti e amici delle vittime hanno partecipato alla celebrazione della messa nella vicina chiesa parrocchiale, perché, come ha avuto modo di spiegare Roberto Merli, «la fede aiuta a cercare di superare questo dramma».A fine eucarestia, tutti sono tornati in piazza, dove don Giovanni ha benedetto le croci.
Si tratta di una manifestazione nata nel 2005 quando sull’asfalto della Bassa persero la vita 165 persone. Ogni anno la celebrazione si rinnova anche se le croci, fortunatamente, si riducono sempre di più.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.