Quantcast

Piantata soia in terreni contaminati da Pcb

In via del Serpente, a Brescia, nei guai l'azienda agricola Piovanelli, che non ha rispettato le ordinanze del sindaco sui terreni contaminati del caso Caffaro.

Più informazioni su

(red.) Coltivavano soia senza curarsi dei divieti del sindaco di Brescia, che proibisce la semina nei terreni contaminati da Pcb e diossine.
E’ stato durante i controlli di routine, eseguiti nell’ambito dell’ordinanza sindacale Caffaro, che gli agenti della polizia Locale di Brescia si sono accorti che un’azienda agricola di via del Serpente coltivava soia, non rispettando i divieti.
L’azienda agricola Piovanelli, spiega una nota, avrebbe potuto produrre mais in granella, unico cereale che è consentito coltivare nei terreni contaminati, ma nel campo cresceva soia. Gli agenti si sono subito accorti che le piantine appartenevano a una specie non consentita, ma hanno convocato un agronomo del comune per avere conferma dei loro sospetti.
Chiarito che si trattava inequivocabilmente di soia, lunedì mattina alle 8 il campo è stato posto sotto sequestro preventivo, come disposto dalla Procura di Brescia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.