Quantcast

Festa dell’opera, un sabato di musica

Dalle 10 alle 24 del 13 settembre, Brescia invasa dalle note dedicate a Giacomo Puccini e alla sua Madama Butterfly.

(red.) Sabato 13 settembre, dalle 10 fino a tarda sera, nelle strade e nelle piazze di Brescia si svolge la terza edizione della Festa dell’Opera, uno dei progetti più innovativi e coinvolgenti realizzati dalla Fondazione del Teatro Grande di Brescia.
Si tratta di un progetto culturale di ampio respiro, unico in Italia, che per la sua importante valenza educativa è stato insignito, alcuni mesi fa, del prestigioso Premio Filippo Siebaneck nell’ambito del Premio Franco Abbiati della critica musicale italiana. Sabato 13 settembre Brescia sarà nuovamente invasa, per un’intera giornata, dalla musica, dai canti e dai colori di una tradizione alla quale il nostro Paese è legato da secoli. La Festa dell’Opera è una festa popolare che accompagna grandi e piccini, melomani e non, che avranno la possibilità di ascoltare le più celebri melodie della tradizione lirica italiana.
La Fondazione del Teatro Grande ha dedicato l’edizione 2014 della Festa dell’Opera a Giacomo Puccini e alla sua Madama Butterfly per celebrare l’anniversario dei 110 anni della prima rappresentazione di questo straordinario capolavoro al Teatro Grande. Il programma prevede oltre cinquanta eventi sparsi per tutta la città, alcuni realizzati negli spazi dedicati alla cultura, come ad esempio il Teatro Grande, il Museo di Santa Giulia e il Tempio Capitolino, altri allestiti nei luoghi delle frequentazioni abituali dei bresciani, l’università, i ristoranti, le vie del centro e della periferia e i supermercati. L’obiettivo della manifestazione è infatti “fare festa”, avvicinare i cittadini all’opera e portare il fascino del melodramma nelle strade della città per consentire a tutti di scoprire e apprezzare questo genere musicale e i suoi retroscena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.