Quantcast

Colpevoli di omicidio in Pakistan, richiedono asilo politico a Brescia: arrestati

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 9 giugno, nell’ambito dell’attività di controllo, personale della Squadra Mobile della Questura di Brescia ha dato esecuzione a due mandati di arresto internazionale nei confronti di due fratelli pakistani, rispettivamente di 26 e 31 anni, i quali nei mesi scorsi, si erano presentati presso il locale Ufficio Immigrazione, producendo regolare richiesta di asilo politico.
Una mossa imprudente che ha indotto la Polizia di Brescia a far scattare le manette. Infatti, entrambi risultavano essere destinatari di un mandato di cattura internazionale emesso dal Giudice Distrettuale e di sessione di Gujrat (Pakistan) ai fini estradizionali, in quanto condannati all’ergastolo per omicidio.

 

L’episodio si è verificato in patria nel 2018 a causa di una faida familiare, nel villaggio di Dhori, Distretto di Gujrat, Muhammad dove gli arrestati, con la complicità e l’istigazione di altre persone, hanno ucciso con arma da fuoco una persona, dandosi successivamente alla fuga. I due sono attualmente ristretti presso la Casa Circondariale di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.