Quantcast

Corzano, rapina armata alla Bcc Pompiano

Mercoledì 24 mattina due ladri italiani hanno minacciato con una pistola una dipendente e portato via 10 mila euro. Poi sono scappati in auto.

Più informazioni su

Rapina Corzano(red.) Mercoledì mattina 24 febbraio è avvenuta una rapina a mano armata alla filiale della Banca di Credito Cooperativo di Pompiano e Franciacorta a Corzano, nel bresciano. I fatti sono iniziati intorno alle 11,30 quando due malviventi, sembra entrambi italiani e di cui uno con la pistola in mano, hanno aspettato che uscisse un cliente. La banca si trova tra via Vittorio Emanuele II e via Meridionale e nessuno si sarebbe accorto di quanto stava accadendo. La coppia si è avvicinata alla bussola d’ingresso dell’istituto di credito sfondando la vetrata e ha poi raggiunto l’unica dipendente presente in quel momento. Mentre uno la minacciava con l’arma, l’altro ha aperto cassetti e ogni contenitore possibile prendendo circa 10 mila euro. Poi, come se nulla fosse, sono scappati a bordo di una Lancia Y e dileguati nel nulla.
La cassiera ha fatto scattare l’allarme collegato con la centrale operativa dei carabinieri e sul posto sono arrivati i militari della compagnia di Chiari e quelli di Trenzano. Scioccata per quanto le era capitato, la donna è riuscita comunque a fornire vari elementi alle forze dell’ordine. Una delle tracce riguarda la pistola che i malviventi hanno abbandonato o si sono fatti scappare. I controlli sono rivolti alla provenienza dell’arma per poter ricondurre le indagini alla coppia di malviventi, mentre si valutano anche le immagini riprese dalle telecamere di video sorveglianza interne alla banca e lungo il paese. Si tratta della prima rapina commessa in una banca nel 2016, ma per la filiale di Corzano non è la prima volta. L’ultimo episodio era successo nel 2015, proprio alla fine di febbraio, quando tre banditi si erano fatti aprire il forziere dai dipendenti. Portarono via 50 mila euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.