Quantcast

Ridurre l’ammoniaca negli allevamenti: giovedì convegno su Life Arimeda

Più informazioni su

(red.) E’ fissato per giovedì 18 marzo alle 9.30 sulla piattaforma GotoWebinar l’appuntamento con il convegno finale del Progetto LIFE Arimeda per la riduzione delle emissioni di ammoniaca in agricoltura, iniziativa di respiro europeo che ha coinvolto anche ARAL (l’Associazione Regionale Allevatori di Lombardia). La partecipazione all’evento, accreditato anche per i Dottori Agronomi, è libera e gratuita: è necessario registrarsi al link https://register.gotowebinar.com/register/2861865353297035788. Nel corso dei lavori è prevista la traduzione simultanea per le relazioni in lingua straniera.

 

Obbiettivo del Progetto Life Arimeda è quello di puntare alla riduzione delle emissioni di ammoniaca nell’agricoltura mediterranea, attraverso tecniche innovative di impiego dei reflui zootecnici mediante la fertirrigazione ed una conseguente più efficiente valorizzazione dei nutrienti presenti negli effluenti di allevamento.

Inoltre, considerando che l’agricoltura genera la maggior parte delle emissioni di ammoniaca che concorrono alla formazione delle polveri sottili (PM 2,5) presenti nella nostra atmosfera, il Progetto si è impegnato nella ricerca di soluzioni alternative per la salvaguardia dell’ambiente: da qui la partecipazione di ARAL in questa iniziativa condivisa da due importanti aree comunitarie a vocazione zootecnica, la Lombardia per l’Italia e la regione di Aragona in Spagna.

Capofila per la parte italiana del progetto è l’Università degli Studi di Milano (i partner, oltre ad Aral, sono Agriter e Acquafert), mentre coordinatore del Progetto è il CITA, ovvero il Centro di Ricerca e Tecnologia Alimentare della Regione di Aragona (con i partner spagnoli di ADS, Regaber e Segales).

Il convegno del 18 marzo metterà in luce i risultati degli studi e delle ricerche effettuate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.