(red.) L’ex Miss Padania bresciana Alice Grassi era incapace di intendere e di volere quando si è scagliata contro i suoi ex fidanzati. E’ quanto ha stabilito giovedì 8 febbraio il giudice del tribunale di Brescia nel processo in abbreviato a carico della 32enne di Polaveno. Nei mesi precedenti a febbraio la ragazza, madre di un bambino di 10 anni, era stata arrestata due volte per aver aggredito in modo violento i due compagni.

Per quelle accuse ha scontato un periodo di detenzione nel carcere di Verziano, poi trasferita nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Iseo. Ritenuta dedita a consumare sostanze stupefacenti e alcolici, la sua ultima meta è stato il Rems nel mantovano. Fino alla sentenza di giovedì quando la giovane è stata dichiarata incapace, quindi prosciolta e rimessa in libertà, ma vigilata, per tre anni.

Comments

comments

1 COMMENTO