Foto di archivio

(red.) Il caso di inquinamento, se sarà confermato, che ha colpito il fiume Mella tra Manerbio e Offlaga, nel bresciano, si sta configurando sempre di più come un disastro ambientale. Al momento i dati certi riguardano il titolare di un’azienda agricola di Offlaga denunciato proprio per quel presunto sversamento che ha provocato la formazione di densa schiuma bianca sul corso d’acqua.

Ma anche la moria di centinaia di pesci proprio tra i due paesi, con l’acqua marrone e dall’odore nauseabondo che continua a scorrere. Tra i più preoccupati ci sono anche i titolari delle aziende agricole della zona perché nel momento in cui azionano le pompe per irrigare i campi, temono di raccogliere le sostanze inquinanti del fiume. E non è finita. Le guardie ecologiche volontarie hanno raccolto dei campioni di acqua e pesci morti per capire quale sostanza sia finita all’interno del Mella.

Ma a questo si somma un’altra possibile fonte di inquinamento tanto che gli operatori addetti hanno controllato anche un impianto a biogas a Offlaga che tratta liquami degli animali per trasformarli in energia. Attualmente il problema è rappresentato dal tragitto che sta compiendo il Mella colpito dal presunto sversamento. Infatti, dopo Manerbio e Offlaga è arrivato fino a Cigole e sta proseguendo la corsa verso Seniga, sempre nella bassa. E il rischio è che la “bomba ecologica” possa finire nell’Oglio.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Curiosa la cosa; oramai ogni 10 metri di strada in tutta Brescia e provincia , persistono centinaia e centinaia di Tutor, Multanova, rilevamento velocita’, web-cam, sensori di velocita’, ecc.. ecc.. eccc.

    Ma, dico io… non si potrebbe stanziare una piccola percentuale di denaro, lungo i fiumi della nostra provincia, con l’installazione di piccoli e nascosti rilevatori immersi perennemente in acqua funzionanti con batterie al litio mantenute con piccolo pannello solare? che ne so… magari ogni 5 Km di percorso; se non altro in caso di DISASTRO si riuscirebbe ad individuare il tratto in cui lo sversamento e’ stato fatto, li si che sarebbe un atto di civilta’.. altro che vedersi recapitare a casa un multa perche’ si e’ oltrepassato di 6 Km/h il limite di velocita’.