Gottolengo, minaccia la convivente e le taglia i vestiti: in carcere

Un uomo di 44 anni è finito in manette e dietro le sbarre. Non ha mai rispettato i divieti di avvicinamento.

(red.) E’ l’ennesimo caso che in provincia di Brescia porta ad attivare il codice rosso per una serie di violenze – fisiche e psicologiche – ai danni di una donna. Succede a Gottolengo, nella bassa bresciana, dove nelle ore precedenti a mercoledì 29 luglio e come atto finale un uomo di 44 anni è stato arrestato e condotto in carcere da parte dei carabinieri della stazione di Gambara. L’uomo da anni conviveva con una donna più giovane, ma nel corso di quel periodo c’è stato spazio anche per botte, minacce e violenze. Una situazione che aveva indotto la stessa consorte a cercare di troncare il rapporto, ma senza riuscirci.

Anche perché l’uomo ogni volta tornava a casa pentito per quello che aveva commesso. Tuttavia l’uomo si comportava in quel modo non solo verso la convivente, ma anche i suoceri. Lui, pregiudicato per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti e contro il patrimonio, era stato denunciato inducendo più volte il giudice a emettere un divieto di avvicinamento. Il problema è che, nel momento di tornare a casa, la donna gli ha sempre riaperto la porta, innescando in seguito altre liti.

Uno degli ultimi episodi era avvenuto un mese prima del 29 luglio inducendo la convivente a trovare la forza di denunciarlo. Ma anche in quella circostanza, dopo il divieto di avvicinarsi alla casa famiglia, era sufficiente che tornasse per farsi riaccogliere a casa. Almeno fino all’ultima segnalazione quando, dopo l’ennesima lite, l’uomo ha minacciato la donna, i nipoti di lei e le ha anche tagliato i vestiti. A quel punto la vittima ha ottenuto il trasferimento in una struttura protetta, mentre l’uomo è finito in carcere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.