Vicenza, aiuti da Brescia per salvare donna vittima del marito

Una 33enne bengalese sabato ha trovato il coraggio di denunciare. Ora è in una struttura protetta con il figlio.

(red.) Un lavoro di contatto, segnalazioni e richieste di aiuto sull’asse Vicenza-Brescia-Manchester ha portato ad attivare il Codice Rosso ed evitando che una situazione di continue violenze domestiche potesse ancora proseguire, se non degenerare. Della vicenda ne dà notizia Bresciaoggi indicando come una donna, grazie ai propri parenti in Inghilterra e ad amici che abitano a Brescia, è riuscita ad allontanarsi, insieme al figlio di soli 4 anni, dal marito violento. Vittima di questa situazione è una giovane bengalese residente a Ca’ Balbi, a Vicenza, insieme al compagno e alla famiglia di lui.

Per diverso tempo la donna era rimasta vittima delle minacce e mani alzate del marito, ma non aveva mai avuto la possibilità di chiedere aiuto oltre i parenti in casa perché non parla italiano e nemmeno l’inglese. Così ha dovuto subire per diverso tempo le angherie dell’uomo operaio poco più grande di lei nel paese in cui abita da solo un anno, dal febbraio del 2019. Ma l’atto decisivo è arrivato sabato 1 febbraio quando la donna prende coraggio e chiama i familiari residenti a Manchester chiedendo aiuto. A quel punto la segnalazione ha raggiunto l’ambasciata italiana in Inghilterra e subito dopo i contatti con l’Italia e Brescia dove risiedono alcuni conoscenti della donna.

La questura di Vicenza, informata dei fatti, si è mossa arrivando alla casa della 33enne. Ma nell’abitazione c’era solo l’uomo, mentre la vittima era con il figlio in casa di altri parenti sempre a Vicenza. La bengalese, raggiunta dalle forze dell’ordine, è riuscita a far capire alle forze dell’ordine il clima di aggressioni che era costretta a subire e ha chiesto e ottenuto di essere allontanata da quell’abitazione. Per questo motivo è stata condotta con il figlio in una struttura protetta dove si trova attualmente. Nella giornata di oggi, lunedì 3 febbraio, sarà sentita in questura e ha già annunciato di voler denunciare il marito violento. Nelle ore successive alla segnalazione non sono ancora arrivati provvedimenti a carico dell’uomo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.