Robecco d’Oglio, bresciano tenta di violentare un’anziana al cimitero

Un 80enne di Nave si trova ai domiciliari dopo il caso della scorsa estate. Avrebbe anche colpito nel 2009.

(red.) Dalle ore precedenti a sabato 14 dicembre un bresciano 77enne di Nave si trova agli arresti domiciliari dopo aver tentato di violentare una donna di 80 anni al cimitero di Robecco d’Oglio, in provincia di Cremona. I fatti, ricostruiti nell’arco di diversi mesi da parte delle forze dell’ordine, si erano verificati lo scorso 24 agosto. E gli stessi agenti avrebbero anche constatato che l’autore sarebbe lo stesso di un’altra tentata violenza sessuale messa a segno dieci anni prima, nel 2009, a Casalbuttano, sempre nel cremonese. Nel caso più recente, quello della scorsa estate, la 77enne era diretta al campo santo di Robecco per fare visita al defunto marito.

E a un certo punto sarebbe stata colta alle spalle dall’uomo che le aveva tappato la bocca e strappato la maglietta con l’intento di palpeggiarla. Un’altra signora diretta al cimitero, sentite le urla, si era avvicinata ed è riuscita a far scappare la vittima, accendendo i riflettori sull’uomo. Proprio la 77enne aveva poi trovato il coraggio di denunciare l’episodio ai carabinieri di Cremona. E questi hanno spulciato nelle proprie indagini notando proprio quel caso identico a dieci anni prima. Non sono l’episodio era simile, ma l’autore sarebbe stato lo stesso.

Tanto che la vittima ha riconosciuto in una foto che i militari le hanno mostrato l’anziano che l’aveva aggredita. Di conseguenza, per l’uomo di 80 anni è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare e notificata nelle scorse ore a Nave. Anche se il diretto interessato ha negato di essere lo stesso del caso del 2009. A proposito dei fatti della scorsa estate, i militari hanno ricostruito l’intero tragitto percorso in auto dall’uomo, da Nave fino a Robecco d’Oglio attraverso l’autostrada A21. E ritengono che abbia voluto agire con premeditazione sfruttando la zona isolata del cimitero. Ora si trova ai domiciliari aspettando il processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.