Quantcast

Marocchino sfregiato da connazionali

A Vobarno, la notte tra venerdì e sabato. L'immigrato, 37enne, è stato aggredito e picchiato. Ora si trova nel reparto maxillo facciale del Civile di Brescia.

(red.) I carabinieri di Vobarno, in provincia di Brescia, stanno indagando su quella che sembra a tutti gli effetti una spedizione punitiva avvenuta la notte compresa tra venerdì e sabato in paese.
Nella frazione di Collio, un marocchino di 37 anni è stato sfregiato al volto con il collo di una bottiglia. Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, e le testimonianze di alcuni residenti, l’immigrato è stato chiamato in strada da alcuni suoi connazionali. Poi, dopo una breve discussione, la vittima è stata accerchiata e malmenata pesantemente. Infine la ferita con il vetro.
Le urla del 37enne, che abita in un appartamento sulla provinciale IV, hanno svegliato il vicinato. Qualcuno ha chiamato i militari che hanno soccorso il ferito. Ora si trova nel reparto maxillo facciale dell’ospedale Civile di Brescia. Per lui una prognosi di 40 giorni. Ancora dachiarire i motivi della violenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.