Quantcast

Corzano, litiga col figlio e gli spara

Più informazioni su

Mario Speriani, 60enne, è stato arrestato per tentato omicidio. Illeso il giovane.


(red.) Tragedia sfiorata ieri pomeriggio a Corzano, piccolo centro della provincia di Brescia. Mario Speriani, pensionato di 60 anni, conosciutissimo in paese per essere stato il gestore dell'unico bar della cittadina, durante una lite con il figlio minore, Stefano di 31 anni, di professione rappresentante, sposato con figli e residente a Ghedi, ha imbracciato il proprio fucile da caccia e, forse preso da un raptus di rabbia, ha fatto fuoco per ben due volte. Fortunatamente i colpi hanno mancato il giovane, che ha rifiutato perfino il ricovero per accertamenti.
La vicenda è avvenuta intorno alle 13,15. I due congiunti stavano discutendo animatamente sull'intestazione di un immobile. I toni sono saliti fino a quando il 60enne ha preso il fucile che teneva in casa e l'ha puntato contro il figlio da distanza ravvicinata. Poi gli spari, due, che per fortuna non sono andati a segno, nonostante qualche pallino abbia colpito di striscio il collo e la nuca del giovane.
Dopo la vicenda il 60enne è salito sulla sua auto, una Renault Kangoo, e ha abbandonato l'abitazione di via Garibaldi dov'è avvenuto il fatto. I familiari hanno quindi avvisato i carabinieri dell'episodio. Gli agenti hanno arrestato Mario Speriani a Brescia, in via Solferino, qualche ora dopo. Per lui l'accusa è di tentato omicidio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.