Sabato 21 dicembre a Gargnano «La Malata Immaginaria»

Uno spettacolo esilarante per una serata di risate e divertimento, quella sì un vero toccasana per la salute di ognuno!

(red.) Sabato 21 dicembre alle ore 21.00 andrà in scena presso la Sala Castellani di Gargnano lo spettacolo «La Malata Immaginaria» di Goldoni, una produzione della compagnia «Il Nodo Teatro», con regia di Raffaello Malesci.
Rosaura (Silvia Pipa), amatissima figlia del ricco Pantalone (Danilo Furnari), è colpita da una misteriosa malattia che non le dà pace… ma, come rivela solo a Beatrice (Marinella Gobbi) e Colombina (Lucia Ferrara), questo male oscuro altro non è che mal d’amore: la giovane è innamorata del suo dottore (Luca Miotto) e finge i propri malesseri per riuscire a vederlo.

Preoccupato per la salute della figlia, e ignaro delle sue reali motivazioni, Pantalone chiamerà a raccolta i medici più bizzarri (Stefano Maccarinelli e Giuseppe Sacco), si rivolgerà ad uno speziale visionario (Fiorenzo Savoldi) e acconsentirà persino a un matrimonio con lo stravagante Lelio (Fabio Tosato) pur di vedere qualche miglioramento…
Una commedia spiritosa e vivace, arricchita da un’originale ambientazione nei primi del novecento, che tra scene in spiaggia nei buffi costumi d’epoca e canzoni (cantate dal vivo dagli attori), amplifica e rinnova la comicità goldoniana rendendola ancor più irresistibile.
Uno spettacolo spassoso in cui l’amore si intreccia con l’ipocondria e l’apparenza si scontra con la sostanza. Uno spettacolo esilarante per una serata di risate e divertimento, quella sì un vero toccasana per la salute di ognuno!
Ingresso libero.

 

personaggi ed interpreti
Pantalone
Danilo Furnari
Rosaura
Silvia Pipa
Beatrice
Marinella Gobbi
Lelio
Fabio Tosato
Dottor Anselmo degli Onesti
Luca Miotto
Dottor Onofrio Buonatesta
Stefano Maccarinelli
Dottor Merlino Malfatti
Giuseppe Sacco
Agapito
Fiorenzo Savoldi
Colombina
Lucia Ferrara

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.