Quantcast

“Antiche risonanze”, domenica a Santa Giulia

Più informazioni su

(red.) Il «Gruppo Vocale “Cantores Silentii”» in collaborazione con il Comune di Brescia e con la Fondazione Brescia Musei ha organizzato la VII Edizione della Rassegna “Antiche risonanze in Santa Giulia” che anche quest’anno è suddivisa in quattro appuntamenti.
Il progetto prende spunto dal desiderio di rievocare i suoni melodiosi che le Monache
benedettine di Santa Giulia, già nel Cinquecento, infondevano nella Basilica di San Salvatore durante le celebrazioni religiose e para-liturgiche. 

I Canti delle Monache di Santa Giulia, nascoste alla vista dell’assemblea sottostante, fluivano dalle grate del Coro superiore, proprio così come oggi si vuol riproporre con questa rassegna concertistica ad opera del Gruppo Vocale “Cantores Silentii”.
Il terzo concerto della VII Edizione della Rassegna è fissato per domenica 11 novembre
con inizio alle ore 16 ed è dedicato all’evoluzione della “Missa a Cappella” a 4 voci. Sono infatti proposte due composizioni opera di due dei grandi polifonisti del XVI e XVII secolo: d’epoca rinascimentale è lo spagnolo Cristóbal de Morales con la sua Missa “parodia” “Gaude Barbara”, dal II Libro di Messe a 4 e 5 voci pubblicato a Roma dalla tipografia dei fratelli Dorico nel 1544, che prende spunto, appunto, dalle tematiche musicali dell’omonimo Mottetto a 4 voci, in due parti, opera del compositore franco-fiammingo Jean Mouton (ca. 1459-1522). La Missa, con il relativo Mottetto, sono stati eseguiti con successo in prima esecuzione moderna cittadina lo scorso 26 ottobre nell’Insigne Collegiata dei SS. Nazaro e Celso in occasione del «Concerto per i Patroni» organizzato dalla Parrocchia di San Nazaro con il patrocinio del Comune di Brescia. Nella seconda parte del concerto viene proposta, del primo Barocco, la Missa a 4 voci “da Cappella” del musicista cremonese Claudio Monteverdi che è inserita nella raccolta della “Selva Morale e Spirituale” edita a Venezia per i tipi di Bartolomeo Magni nel 1640/41.

Dopo il Mottetto di Jean Mouton, eseguito nella Basilica di San Salvatore, viene proposta la
consueta ed apprezzata prolusione con le note storico-artistiche relative al complesso
monastico di Santa Giulia a cura degli specialisti dei Servizi Educativi di Fondazione Brescia
Musei.
L’ingresso al concerto è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, ritirando
il Pass d’ingresso alla reception del Museo sita in via Musei n. 81/b dalle ore 15:30. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.