Quantcast

Brescia, flash mob in piazza Loggia per la mobilità sostenibile

Più informazioni su

(red.) Venerdì 20 settembre gli esperti di educazione ambientale di Cauto – Cooperativa Sociale Onlus celebrano la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile insieme agli alunni del Liceo Artistico Foppa di Brescia con un grande Flash mob in Piazza Loggia.
La nuova forma di espressione corale verrà utilizzata dagli studenti per veicolare contenuti e tematiche sulla mobilità sostenibile interiorizzati attraverso un percorso progettuale nell’ambito del progetto “Foppa in Pista”, finanziato da Fondazione Cariplo. L’appuntamento è per tutti in Piazza Loggia dalle ore 8.30. A partire da questo momento le prime classi coinvolte nel progetto si troveranno in piazza, accompagnate dagli insegnanti, per realizzare la figura di una grande bicicletta stilizzata.
Allestito il tutto arriveranno le altre classi entrando dai quattro ingressi alla piazza per posizionarsi prima in piedi e poi seduti sul profilo del disegno. Formata la bicicletta, partirà la lettura al microfono di slogan e frasi sul tema della mobilità sostenibile alternati con movimenti fatti dalle varie parti della e suono di campanelli. Il flash mob verrà ripreso da due cineoperatori sia dall’alto che dal basso per la creazione di un video tramite montaggio.
Dopo aver affrontato la tematica della mobilità sostenibile a lavoro nel corso di una conferenza restitutiva sul progetto pilota Panta Rei svoltasi lo scorso lunedì 16 settembre, Cauto ha scelto di salutare la Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile lasciando spazio alle nuove generazioni, vere protagoniste dell’iniziativa. La scelta di una forma espressiva “innovativa e giovane” per trasmettere le buone prassi sulla mobilità sostenibile rappresenta in un certo senso la vision della cooperativa sociale Cauto, “Immaginiamo uno Sviluppo Sostenibile dove ogni cittadino e aggregazione sociale sono protagonisti dell’Equilibrio Ecologico” con particolare attenzione nei confronti dei lavoratori attraverso l’adozione di buone prassi di mobilità sostenibile a lavoro, l’istituzione di un Mobility Office aziendale da un lato, e dall’altro nei confronti delle generazioni future attraverso percorsi di educazione ambientale in collaborazione con le scuole e le famiglie.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.