Quantcast

Provezze, omaggio a Gaber con Sergio Mascherpa

(red.) “Una voce scomoda, contro tutto e tutti. Un interprete, un autore teatrale fuori dal coro, acuto e attento, abilissimo nel dipingere e ironizzare sui comportamenti umani di una certa Italia conformista e rampante. Giorgio Gaber faceva parte di una razza in via di estinzione, quella di coloro che pensano con la propria testa. Insieme a Sandro Luporini, suo fedele collaboratore per tutta la vita, ha scritto canzoni e monologhi che costituiscono un materiale prezioso per capire l’evoluzione della società italiana.”
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Provaglio (Brescia9, da sempre attento a proporre ai cittadini occasioni di formazione culturale e ad offrire spazi di condivisione e di confronto, presenta una serata dedicata a Giorgio Gaber, personaggio importante non solo per lo spettacolo, ma anche e soprattutto per la cultura italiana,  a dieci anni dalla sua morte.
“Si tratta di una proposta culturale di assoluto spessore”, ha sottolineato l’assessore alla Cultura Damiano Delledonne, “nelle canzoni e nei monologhi di Giorgio Gaber ciascuno può trovare spunti per riflettere su di sé,  sui propri vizi privati e sulle proprie pubbliche virtù, e viceversa”.
Lo spettacolo, composto da parti recitate e cantate, alterna una serie di riflessioni e suggestioni ironiche e porta in luce sapientemente gran parte della “filosofia gaberiana” con analisi dirette sulla società e sulla natura degli individui che la compongono.
E’ questo il filo conduttore della performance, intitolata “La Libertà (non è stare sopra un albero)”, che venerdì 1 marzo alle 21, sarà in scena al Teatro Parrocchiale di Provezze, frazione di  Provaglio d’Iseo. Ad omaggiare il grande Gaber sarà Sergio Mascherpa, artista tra i più amati e attivi del territorio bresciano. Abile interprete umoristico con capacità di interpretazioni fortemente drammatiche, Mascherpa è un attore che pone l’accento sulla ricchezza del linguaggio presente nell’ampia e varia produzione artistica del sig. G. scegliendo di parlare delle sue relazioni, dei rapporti con la famiglia e dell’Uomo.

“La sua lettura è un omaggio alle parole di un grande artista, all’intima voce di un uomo allenato a guardarsi nel “di dentro” e restituire al “di fuori” senza tanti peli sulla lingua.”

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.