Quantcast

Matt Star e Marco Solforetti al Club Vinile 45

(red.) Sabato 5 gennaio 2013, al Club Vinile 45 in via del Serpente 45 a Brescia vanno in scena Matt Star e Marco Solforetti. A seguire il Resident Djs di Alessandro Palma.
Apertura dei locali alle 23,30. Ingresso gratuito donna entro le 24. Ingresso riservato ai soci Ansel: 10 euro con consumazione fino all’ 1,30;  15 con consumazione dopo l’ 1,30.
Matt Star nasce ad offenbach nel 1987. Si innamora della musica elettronica, ed in particolare della techno, nel 1995 a soli otto anni, ascoltando un set di Sven Vath trasmesso in radio. nel 1999, appena dodicenne, inizia a suonare a feste private dando il via a quella che già oggi può essere considerata un’ottima carriera.
Mentre i suoi coetanei giocavano a Super Mario o a Pac Man, Matt cerca di produrre musica attraverso una Play Station, ottenendo addirittura discreti risultati. messa da parte la console da gioco, l’anno seguente si da alla produzione in via più professionale, attraverso software man mano più completi.
I risultati del suo impegno si vedono nel 2006, quando esce “The Art of M”, il suo primo ep su Weave Music. il disco ottiene feedback lusinghieri da parte dei dj più famosi del pianeta, che non esitano a suonarlo per diversi mesi. il successo del disco d’esordio, inoltre, ha fatto sì che Matt Star venisse richiesto come remixer per molti suoi colleghi da etichette discografiche importanti come International Freakshow, Opossum Rec. o Momentum.
Nel 2008 Cocoon Records include il suo pezzo “Am I Dreaming” nella propria compilation “H” e lo scrittura per serate all’ Amnesia di Ibiza.
Matt gestisce assieme al fratello Locke l’etichetta Main Records da dove è risultato il suo personale progetto musicale “Mainakustik”, inoltre ha altri progetti interessanti da sviluppare per il futuro.
Matt Star è DJ e Live Act performer allo stesso tempo, Il suo stile musicale lo definisce lui stesso “Tutto quello che mi piace” oppure “MIcroPhunk”, Includendo dalla Ambient, alla Trip-Hop, all’House alla Techno più dura, senza mai essere banale e sempre nel tentativo di innovarsi.
Fin dalla fine degli anni ‘80 Marco Solferetti segue la crescita ed i cambiamenti della musica, studiando i fenomeni musicali e underground.
Personaggio eclettico ed atipico, nella musica e nella vita, privilegia nei suoi set un crossover di stili musicali filtrandoli attraverso una personale visione del ritmo: house, techno, funk, jazzy diventano parti integranti di un’ unica, armonica onda.
Tenax e Boca Chica sono le realtà nelle quali è cresciuto e si è formato; realtà che gli hanno dato la possibilità di confrontarsi con i migliori artisti di tutto il mondo… in Italia, Europa e Stati Uniti.
Fra i suoi lavori discografici più apprezzati: Birdy con Alex Neri e Buenos Aires, due rivisitazioni elettroniche del tango argentino; Tribute to Miriam Makeba, che come anticipa il titolo è un tributo ad una delle più belle voci africane purtroppo scomparsa ed un remix a Michelle Weeks, voce di riferimento del panorama classic house: Big Mama.
Altre releases e remix su Mondo Groove, Ocean Dark, Tenax Recordings, Deeperfect, Global Underground, Rule 5, Lapsus e naturalmente Labella Recordings.
Proprio su Labella Recordings escono nel 2012 Move on me e You know how to love me.
Sempre nel 2012 remixa in occasione del Wmc di Miami I’m gonna love you dei Justofunk, gruppo storico degli anni ’90.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.