Quantcast

Sfide educative; un convegno alla Cattolica di Brescia

La giornata di studio promossa a Brescia si intitola “Le sfide educative per la cooperazione internazionale”, ed è  in programma giovedì 14 ottobre.

(red.) L’impegno verso l’educazione delle giovani generazioni è da sempre prioritario per l’Università Cattolica.
Oltre alla Cattedra Unesco in “Education for Human Development and Solidarity Among Peoples”, un anno fa è stato creato l’Osservatorio per l’educazione e la cooperazione internazionale, che si propone di favorire la collaborazione tra università, centri di ricerca e organismi internazionali per promuovere studi, ricerche, attività formative e pubblicazioni sull’educazione e la cooperazione internazionale, sviluppando nuovi strumenti di analisi e di indagine che consentano la fondazione di una pedagogia della cooperazione internazionale basata sull’etica della responsabilità e sul principio di solidarietà, alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa.

Ma se “per cambiare il mondo bisogna cambiare l’educazione”, come ha più volte detto papa Francesco, sarà l’intervento di esperti e studiosi internazionali a chiarire come farlo.

La giornata di studio promossa a Brescia si intitola “Le sfide educative per la cooperazione internazionale”, ed è  in programma giovedì 14 ottobre (ore 9.30).
«È necessario ricostruire un patto tra le generazioni, tra le istituzioni ma soprattutto fra gli stati, le organizzazioni interessate – afferma Domenico Simeone, direttore della Cattedra Unesco della Cattolica e del nuovo Osservatorio -. Convinti che l’educazione possa favorire un incontro autentico fra culture diverse e permettere la conoscenza reciproca».

I lavori saranno introdotti dal rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli, dal Segretario della Congregazione per l’Educazione Cattolica mons. Vincenzo Zani, che fortemente ha voluto promuovere questo convegno, dal vescovo di Brescia mons. Pierantonio Tremolada e dal delegato del rettore alle Strategie di sviluppo della sede di Brescia Mario Taccolini.

Si entrerà nel vivo con la relazione di Riccardo Redaelli, ordinario di Geopolitica e Storia e istituzioni dell’Asia, che suggerirà una “bussola” geopolitica per leggere i mutamenti del sistema internazionale. Subito dopo, Pietro Sebastiani, ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, spiegherà come l’Enciclica Laudato Sii e l’Agenda 2030 possano essere l’antidoto alla crisi del multilateralismo. I lavori del mattino termineranno con l’intervento del preside di Scienze politiche Guido Merzoni che analizzerà il tema delle trasformazioni economiche e sociali, mentre Mario Molteni, CEO di E4Impact Foundation, spin-off dell’Università Cattolica, racconterà i progetti di formazione che realizza in Africa per lo sviluppo di Impact Entrepreneurs, cioè di nuovi imprenditori locali a forte impatto sociale. Attualmente la Fondazione è operativa in 17 Paesi africani.

Nel pomeriggio, a partire dalle 14.30, si alterneranno nella nuova sede esperti internazionali quali Léonce Bekemans, Cattedra Jean Monnet ad personam – President “Europahuis Ryckevelde e Martinien Bosokpale Dumana, Université Catholique du Congo, Kinshasa, mentre il delegato alla ricerca Pier Sandro Cocconcelli presenterà la rete SACRU.

Il convegno si concluderà alle 17 con una tavola rotonda che avrà per tema “Nuove prospettive per la cooperazione internazionale”.

Sarà anche l’occasione per presentare il volume La casa della Pace- Un progetto educativo in divenire, edito da Vita e Pensiero, nel quale si presenta l’esperienza emblematica di Maison de Paix, un progetto di cooperazione internazionale promosso dall’Associazione SFERA, dal movimento dei Focolari, dalla Congregazione delle suore Angeline, in collaborazione con la Cattedra UNESCO della Cattolica. Il volume sarà dedicato a Luca Attanasio, l’ambasciatore d’Italia deceduto durante un attentato nella Repubblica Democratica del Congo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.