Economia, troppi studenti e pochi spazi. Lezioni sospese

Universitari (1.000 in più quest'anno) costretti a seguire le lezioni sulle scale, in piedi o fuori. Si valutano soluzioni

(red.) L’università statale degli Studi di Brescia può vantare su 1.000 iscritti in più in questo anno accademico e rappresenta quindi un elemento positivo. Meno, invece, se gli stessi universitari sono costretti a seguire le lezioni stipati sulle scale dell’aula, se non in piedi o addirittura all’esterno. E’ quanto sta succedendo per la facoltà di Economia e per una situazione di disagio di cui dà notizia il Giornale di Brescia.

Tanto che durante la settimana da lunedì 10 fino a ieri, venerdì 14 febbraio, tre lezioni sono state sospese per l’eccessivo affollamento. Ma c’è anche chi ha dovuto cambiare aula all’ultimo momento. In questo scenario, gli organi di rappresentanza degli studenti avanzano delle proposte, come l’ingresso selezionato in base al numero esatto di studenti iscritti.

Di questa situazione era già informato il rettore Maurizio Tira al quale gli stessi universitari hanno scritto. Dall’anno accademico 2020-21 si dovrebbe contare su più aule, mentre nel frattempo si stanno usando gli spazi della Cedisu e si valuterà anche al Collegio Lucchini e al palazzo di corso Mameli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.