Quantcast

Unibs lancia corso di agraria: triennale dal 2019-20

Ieri l'assessore lombardo Fabio Rolfi ha presentato la nuova iniziativa con la Camera di Commercio, il Consorzio Franciacorta e il rettore Maurizio Tira.

Più informazioni su

(red.) L’offerta formativa dell’università degli Studi di Brescia si amplia con un corso di studio e dedicato all’agricoltura con le nuove tecnologie. Si tratta di un corso di laurea triennale in Sistemi Agricoli Sostenibili che sarà attivo da settembre con l’anno accademico 2019/20. Brescia è la prima provincia italiana per numero di imprese agricole e anche la prima per il prodotto interno lordo e per questo motivo l’ateneo ha deciso di raccogliere la sfida attivando il corso in seno al Dipartimento di Ingegneria Civile e al quale si potrà accedere con un test di orientamento.

Il corso è patrocinato e cofinanziato dalla Camera di commercio di Brescia con la Regione Lombardia che ieri, giovedì 27 giugno, hanno firmato una convenzione. Verranno finanziati due posti come ricercatore a tempo determinato per le attività didattiche e di ricerca e si punta a un altro accordo con il Consorzio per la tutela del Franciacorta per un terzo ricercatore, oltre a un quarto che sarebbe finanziato dal ministero.

L’intesa è stata presentata dal rettore rettore Maurizio Tira con l’assessore all’Agricoltura lombardo Fabio Rolfi, Giuseppe Ambrosi della Camera di Commercio e Silvano Brescianini del Consorzio Franciacorta. In questo modo, come emerso, si completa l’offerta formativa a livello di agraria visto la disciplina è già presente in altri indirizzi di studio in alcune scuole superiori bresciane. L’obiettivo sarà rendere Brescia un punto di riferimento a livello nazionale per l’agricoltura e formare agronomi con le nuove tecnologie nell’ambito dell’agricoltura 4.0 e aiutando i processi sostenibili.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.