Quantcast

Cicloturismo in Lombardia: 6 itinerari imperdibili

Più informazioni su

    (red.) Con l’arrivo dell’inverno i veri amanti del ciclismo non temono intemperie. La voglia di sport supera vento, pioggia e neve. Non esiste freddo che non possa essere combattuto con della buona attrezzatura. Proprio per voi che non potete fare a meno delle due ruote abbiamo 6 itinerari imperdibili di cicloturismo in Lombardia. Ma viste le tante salite, un consiglio può essere quello di avventurarsi a bordo di una e-bike scegliendo all’interno della collezione di bici elettriche come quelle disponibili su Bikester.it.

    Il primo percorso che vi proponiamo è la Ciclovia del Mincio, anche detta l’autostrada verde più lunga d’Italia. Si parte da Mantova e si arriva a Peschiera del Garda. Non pensate di avviarvi solo in un’esperienza sportiva, ma aprite lo sguardo alla bellezza della natura del parco del Mincio e alla splendida biodiversità offerta. Una pedalata tra arte e cultura, alla scoperta dei Celti e dei Romani, visitando le rovine e le cittadelle di Porto e di Peschiera.

    Da Bormio a Colico costeggiando il lago di Como con la ciclovia del sentiero Valtellina. 114 chilometri di ciclabile tra Alpi Retiche e Alpi Orobie. Grazie alla presenza della ferrovia vicino al percorso è possibile anche fare parte del tragitto con il treno. Anche qui allo sport si uniscono cultura ed enogastronomia. Come il Castello Visconti Venosta a Grosio e le cantine vinicole di Chiuro.

    Da canale artificiale irriguo a pista ciclabile. Si parte da Abbiate Grasso seguendo il Naviglio di Bereguardo, ci si dirige verso Pavia, costeggiando l’argine del Ticino e la via Francigena lombarda. Grazie alla pista pianeggiante la ciclovia del Naviglio Bereguardo è adatta a tutti, famiglie e bambini. Oltre a Pavia consigliamo la visita dell’abbazia di Moribondo e per gli amanti della natura il Birdwatching alla cicogna bianca a Venara.
    Andiamo a Zogno, dove parte la ciclovia della Val Brembana che attraversa gallerie scavate nella roccia per arrivare a Piazza Brembana. Ricavato da una ex ferrovia, il percorso è piuttosto facile con un dislivello di 200 metri su 21 chilometri. Una leggera salita che permette anche ai meno allenati di arrivare al traguardo. Per i più lenti consigliamo di visitare il Museo della Val Brembana e il Casinò Municipale di San Pellegrino Terme.

    Sempre nelle vicinanze consigliamo la pista ciclabile della Val Seriana. Si parte da Ranica attraversando Alzano Lombardo, Pradalunga per arrivare a Clusone. 28 chilometri di percorso che può arrivare a 52 chilometri continuando per la ciclovia dell’alta Valle Seriana. Avventuratevi vicino al fiume Serio ai piedi delle Alpi, anche qui sul vecchio percorso di una ferrovia. Il percorso offre anche due bicigrill, punti ristoro per riposarsi dopo una lunga pedalata.

    Come ultimo percorso ne abbiamo scelto uno un po’ più lungo, 100 chilometri, dalla diga del Panperduto fino a Cassano d’Adda costeggiando il canale Villoresi, uno storico corso d’acqua che serviva all’irrigazione dei campi adiacenti. Oltre alla città di Monza si attraversano diversi parchi che offrono una splendida natura, come il parco delle Groane.

    Con ben sei percorsi tutti da scoprire non vi rimane che prendere la bicicletta e partire. Se poi avete intenzione di fermarmi per un weekend potete prenotare chalet e baite in Lombardia prenotabili su Holidu.it, così da unire lo sport al relax e alla bellezza di due giorni immersi nella natura.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.