Quantcast

Beccalossi: “Dalla regione 6 milioni di euro per la ciclovia Brescia-Bergamo”

(red.) “Con l’approvazione di un mio ordine del giorno, Regione Lombardia stanzierà 6 milioni per co-finanziare la ciclovia culturale Bergamo-Brescia. Un percorso che potrà attivare tante occasioni di rilancio economico e che soprattutto può diventare uno dei simboli della rinascita delle due città italiane più colpite dal Covid, che saranno Capitali italiane della Cultura 2023”, dichiara Viviana Beccalossi, presidente del Gruppo Misto in consiglio regionale, commentando l’approvazione, in sede di votazioni sul bilancio, di un suo ordine del giorno per il finanziamento della ciclovia culturale Bergamo-Brescia, sottoscritto anche da Claudia Carzeri, Niccolò Carretta, Roberto Anelli e Giovanni Malanchini.

“Il progetto”, prosegue Beccalossi, “consiste nella realizzazione di una via ciclabile lunga circa 75 km che collegherà, non solo simbolicamente, i patrimoni Unesco presenti nelle due città, le mura venete di Bergamo con il complesso San Salvatore-Santa Giulia e il Capitolium di Brescia e avrà anche il compito di valorizzare il territorio attraversato, particolarmente ricco di cultura, tradizioni, storia e natura”.
“Il titolo congiunto di Capitale italiana della Cultura 2023″, conclude Beccalossi, “rappresenta un’occasione fondamentale, non solo per Bergamo e Brescia ma per la Lombardia tutta, per rilanciare l’attrattività e favorire la ripartenza economica del territorio, attivando pratiche culturali, imprenditoriali e istituzionali orientate a una visione progressiva e di medio termine delle due città e dei territori limitrofi, con una visione centrata sullo sviluppo a base culturale, in cui la cultura guadagna un ruolo al servizio dello sviluppo sociale ed economico. La ciclovia aggiungerà 75 chilometri di bellezza a questa voglia di riscatto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.