Federalberghi: “Ristori per le imprese e sostegno ai lavoratori”

(red.) “Un danno gravissimo per tutta la filiera della montagna, che interessa in grandissima parte anche gli alberghi”, così ha commentato Paolo Rossi, presidente di Federalberghi Brescia, la decisione presa dal Ministero della Salute dello slittamento della riapertura degli impianti da sci. “Una decisione arrivata ancora una volta con un preavviso del tutto insufficiente”, dice una nota, “e che ha avuto e avràgravi ricadute su tutti i comparti, poiché non è accettabile che non si sia ancora capito che leimprese non si possono accendere e spegnere da un giorno all’altro”.

“La filiera della montagna”, ha continuato Rossi, “sperava di poter tornare a lavorare, almeno inparte, per queste ultime settimane del periodo invernale, invece si ritrova beffata dopo aver tanto atteso l’agognata riapertura delle strutture sciistiche, dovendo così fare i conti con una stagione disastrosa a livello economico. Ovviamente stanno già arrivando anche le prime disdette dei clienti che ci preoccupano”.

Tutto il settore alberghiero resta in grave difficoltà economica, con la ripresa che sembra essere ancora lontana. “Adesso diventano indispensabili dei ristori anche per gli alberghi ed un supporto economico per i nostri lavoratori, anche quelli stagionali. Il nostro settore non può essere dimenticato, tutto il comparto è in grave sofferenza e da soli non possiamo più farcela in queste condizioni”, ha concluso Rossi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.