Quantcast

Brescia, rubata identità digitale al vescovo Tremolada

Un account fasullo ha richiesto a nome del prelato delle somme di denaro a diversi destinatari.

(red.) Nelle ultime ore il vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada è stato vittima di un furto di identità digitale: un account fasullo ha richiesto a nome del prelato delle somme di denaro a diversi destinatari.
“L’account fasullo è mons.tremolada@gmail.com.”, viene sottolineato in una nota della Diocesi bresciana. Viene inoltre ribadito “che il vescovo non ha mai attivato l’account in questione e non richiede donazioni o somme di denaro. È già stata fatta una segnalazione alla Polizia Postale con una denuncia verso ignoti”.

Nei giorni scorsi, infatti, diverse associazioni ed enti hanno ricevuto richieste di offerte in denaro partire da un account mail intestato al monsignore. Qualcuno, insospettitosi della inusuale richiesta di denaro, ha domandato chiarimenti ed è così emerso il tentativo di raggiro.
La diocesi ha chiesto “di diffondere questa informazione per evitare che altre persone possano essere vittima di un tentativo di truffa sotto il falso nome del Vescovo Tremolada”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.