Truffa web sui 600 euro dall’Inps, denunce di denunce nella Bassa

C'è chi si è rivolto ai carabinieri dopo aver ricevuto mail con l'invito a cliccare su un link e a firmare un modulo.

Più informazioni su

(red.) I 600 euro ciascuno che l’Inps mette a disposizione dei liberi professionisti che hanno voluto richiederli in un periodo drammatico a livello economico con il coronavirus e l’impossibilità di lavorare, hanno fatto di certo gola a molti. Ma gli utenti devono anche prestare attenzione a come e a chi chiedere quella somma. Nella bassa bresciana, come dà notizia Bresciaoggi, da Carpenedolo fino a Montichiari, sono arrivate decine di denunce ai carabinieri per una truffa informatica.

Come i militari hanno ricostruito, agli utenti viene inviata una mail particolare in cui viene chiesto di cliccare su un determinato collegamento e di compilare un modulo nel quale bisogna anche inserire dati sensibili. Alcune vittime sono incappate nella truffa, mentre per altri per fortuna è rimasto solo un tentativo di raggiro. Una situazione che ha indotto l’istituto di previdenza a chiedere di stare attenti e nel caso di rivolgersi solo al sito ufficiale dell’Inps.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.