Montirone, finti addetti a disinfezione derubano un’anziana

Ieri due individui hanno convinto un'over 80 a mostrare le sue catenine d'oro e soldi. Che poi hanno arraffato.

(red.) Approfittare di una signora anziana indossando abiti della Protezione Civile e sfruttando il periodo connesso al contagio da coronavirus. E’ quanto sono riusciti a fare ieri mattina, mercoledì 20 maggio, due individui nel momento in cui si sono presentati all’abitazione di una donna di oltre 80 anni a Montirone, nella bassa bresciana. Grazie al fatto di indossare le pettorine e badge (ovviamente falsi) dell’associazione, sono riusciti a entrare in quella casa con la scusa di disinfettare stanze ed effetti personali per evitare la diffusione del contagio.

Un’attività che, è meglio ribadirlo, non è stata autorizzata da nessuno. Ma l’anziana si è fidata di loro e ha portato sul tavolo in salotto catenine d’oro e poco meno di 100 euro in contanti. A quel punto è stata invitata ad andare in bagno per lavarsi le mani, ma al suo ritorno dei due finti volontari non c’era più traccia. Quindi, ha chiamato i familiari e le forze dell’ordine che stanno indagando. Ma il fatto che i due fossero transitati su strade coperte dalle telecamere di sorveglianza potrebbe essere utile per portare al loro fermo e alla loro identificazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.