Quantcast

Garda, arrestati falsari “da bar”

Tre bresciani hanno truffato diversi commercianti pagando con banconote false. Due donne sono già in libertà. L’uomo, con precedenti, è in carcere.

Più informazioni su

(red.) Una lunga serie di truffe in piena regola ai danni di numerosi commercianti bresciani.
Grazie alle operazioni dei carabinieri di Salò, tre bresciani sono finiti in manette.
Avevano a loro disposizione diverse banconote da 20 euro abilmente contraffatte. Con queste, acquistavano beni di vario genere in bar e negozi sul Garda.
Le segnalazioni sono arrivate da Salò, Gardone, Toscolano, Gargnano e Limone.
I falsari, due donne e un uomo, sono stati colti in flagrante a Limone, dopo che avevano acquistato una bottiglietta d’acqua con una banconota falsa, ricevendo 19 euro di resto dal malcapitato gestore.
Dopo l’arresto, le due donne sono state liberate.
L’uomo, invece, con precedenti per rapina e rissa, è ancora in carcere. Nelle sue tasche, oltre a 30 banconote contraffatte, una pistola carica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.