“Trasporto pubblico locale, né rincari né tagli”

I sindaci bresciani hanno escluso di aumentare il prezzo dei biglietti o di ridurre il servizio, decidendo di chiedere più soldi al governo e alla regione.

Brescia. Sulle novità normative che hanno interessato il Trasporto Pubblico Locale e per parlare degli aumenti dei costi del servizio legati a un adeguamento Istat del 7,64% si è tenuto un incontro con i sindaci questo venerdì mattina in Provincia.
Forse  sarà necessario subire gli aumenti tariffari, oppure per contenere i costi si dovranno ridurre le corse, ma si tratta di due eventualità da evitare assolutamente, anche in vista del periodo difficile che dovremo vivere in autunno.
Per questo i sindaci hanno escluso in prima battuta di alzare il prezzo dei biglietti o di ridurre il servizio, decidendo di chiedere al governo e alla Regione di aumentare rispettivamente il fondo nazionale trasporti e il contributo regionale al Tpl, approvando la proposta del presidente della Provincia Samuele Alghisi. Verranno chiesti incontri a Roma e a Milano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.