Quantcast

Treni veloci a Desenzano, Spiller (M5S): “Gestione politica fallimentare”

(red.) Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Desenzano del Garda, Andrea Spiller, è intervenuto sulla questione legata al traffico ferroviario lungo la tratta gardesana. “Ancora una volta, come già accaduto altre volte in questi ultimi anni, tra smentite e rinvii, arriva la notizia dell’ennesima sforbiciata alle fermate dei treni veloci nella stazione di Desenzano, in particolare due fermate del mattino tanto care a pendolari e studenti che tutti i giorni raggiungono Milano.
Si tratta dell’ennesimo sfregio a chi quotidianamente sceglie il treno, preferendolo all’automobile, per muoversi e raggiungere il luogo di lavoro, sperando di poter contare su un servizio efficiente che invece si rivela essere sempre più incerto e precario, ostaggio di scelte aziendali discutibili da parte di RFI verso cui la politica, soprattutto regionale a cui spetta la competenza in materia di trasporti, appare essere impotente”.

Una gestione politica del sistema trasporti da parte della giunta di centrodestra lombarda, secondo il consigliere d’opposizione, “che fa acqua da tutte le parti, un fallimento totale e senza appello, che penalizza in modo profondo il nostro territorio, nonostante la nostra città si trovi in un punto strategico, e raccolga utenti da tre province attingendo ben oltre il territorio comunale. Insomma un vero disastro, che come sempre ricadrà sulla pelle di cittadini e pendolari che di questo servizio hanno assoluto bisogno per vivere, studiare e lavorare.
In questo contesto paradossale, dove non si riesce a fare fermare i treni veloci nella stazione che c’è e funziona da anni, si continua a parlare della assurda e irricevibile proposta di realizzare una nuova stazione, completamente fuori dal contesto cittadino, senza collegamenti e infrastrutture di supporto, consumando altro terreno agricolo oltre a quello che i cantieri TAV stanno già oggi devastando.
È meglio che gli amministratori di centrodestra che tanto si sbracciano in questa direzione, sia locali che regionali, si attivino per fare sì che quello che c’è funzioni e continui a garantire il servizio di cui i cittadini hanno estremo bisogno, piuttosto che immaginare inutili cattedrali nel deserto che finirebbero per essere solamente l’ennesimo enorme spreco di denaro pubblico!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.