Quantcast

Tpl Brescia e Green Pass, confronto tra l’agenzia e i sindacati di categoria

(red.) Si è svolto in mattinata presso l’Agenzia del TPL di Brescia un incontro con i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali bresciane di categoria (Mauro Ferrari segretario della Filt-Cgil, Mario Viscardi per la Fit-Cisl, il segretario Alberto Gasparini della Uil-Trasporti, Salvatore Riccio segretario della Ugl-Trasporti e Matteo Bonometti, Faisa-Cisal) e il nuovo Presidente dell’Agenzia del TPL di Brescia Giancarlo Gentilini affiancato dal Direttore Massimo Lazzarini.

Un confronto, significativamente aperto e costruttivo, si legge in una nota, in cui sono stati affrontati vari argomenti. Tra questi la forte preoccupazione alla vigilia dell’obbligo del green pass per poter entrare nei posti di lavoro e prendere servizio e il rientro in ufficio dei dipendenti pubblici dopo 19 mesi di smart working, come disposto dal decreto del governo. Decine di lavoratori, usciranno da casa, molti di loro useranno i mezzi pubblici con la capienza dei mezzi che resta all’ 80%.

I sindacati hanno evidenziato che oltre alla già esistente mancanza strutturale di personale si aspettano un’ulteriore carenza di autisti sugli autobus urbani ed extraurbani che si stima possa essere tra l’8 e il 12% dei lavoratori in servizio di guida. In un contesto già fragile, le OO.SS. hanno manifestato la preoccupazione per le possibili ricadute negative sulla qualità del servizio ed occupazionale.

 Al termine dell’incontro il Presidente Gentilini ha assicurato continuità e sistematicità all’interlocuzione avviata positivamente dalla Presidenza precedente, esprimendo la convinzione che il particolare momento emergenziale possa essere superato positivamente solo con la disponibilità di tutti i soggetti coinvolti a cercare soluzioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.