Quantcast

Ruote Libere: “Sospendere l’entrata in vigore del Green pass per tutta la filiera del trasporto”

Più informazioni su

(red.)  “Alla vigilia dell’introduzione del Green Pass obbligatorio dal mondo dell’autotrasporto si leva un allarme chiaro sui pericoli che potrebbero ricadere sul Sistema-Paese. Difficile fare stime, ma se è vero che circa il 30% dei camionisti non è vaccinato, tra italiani e non italiani, il rischio di una paralisi di un settore vitale per l’economia italiana è concreto. Per evitare una deriva simile e le tensioni conseguente, sempre da censurare, è inevitabile esonerare questa filiera, includendo anche gli operatori della logistica e i portuali che in queste ore hanno lanciato un appello simile, dall’obbligo del mostrare il Green Pass”.

 

A parlare è la portavoce di Ruote Libere, Cinzia Franchini. “Parliamo di una categoria che non si è mai fermata, nemmeno nei momenti più duri della pandemia. Con il Paese barricato in casa, nessuno ha ovviamente pensato di esentare gli autotrasportatori dal lavorare e dal viaggiare, mettendo a rischio la propria vita. Ora, nella consapevolezza che tutti gli autotrasportatori rispettano le norme del distanziamento e dell’uso della mascherina e che per loro nelle aziende sono previsti percorsi dedicati per ridurre al minimo i contatti ravvicinati, crediamo che il buonsenso imponga un ripensamento sul tema Green Pass. Ricordiamo inoltre che ancora non è stato chiarito che tipo di regole varranno per i vettori esteri. Se costoro sono esentati dal Green Pass, perché dovrebbero adottarlo i vettori italiani? L’impressione, ancora una volta, è che il Governo nel legiferare non abbia minimamente presente cosa significhi fare l’autotrasportatore, basti pensare, ad esempio, come le norme sui tempi di guida e riposo rendano completamente inattuabile la strada alternativa del tampone”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.