Noleggio con conducente, cresce il Consorzio Uni Auto&Bus

(red.) Il Consorzio Uni Auto&Bus continua a crescere: dallo scorso 1 gennaio hanno aderito 15 nuove aziende nel settore auto, portando il numero complessivo di realtà a 40. Un risultato importante, a maggior ragione in un momento quanto mai delicato per l’intero comparto, a causa degli effetti della pandemia da Covid-19.

Il Consorzio Uni Auto&Bus nasce a Brescia nel settore del “noleggio con conducente” di autovetture ed autobus, per offrire una risposta al mercato del trasporto di persone. Attualmente la struttura del Consorzio comprende un vasto numero di rinomate e storiche aziende dell’intera penisola, il cui know-how ed esperienza hanno permesso di affermarsi come leader indiscusso nel settore nazionale ed europeo.
Uni Auto&Bus, associato a Confindustria Brescia, è inoltre l’unico Consorzio bresciano, nonché l’unico grande operatore nel settore del trasporto di persone.

“L’ingresso di nuove aziende permetterà di ampliare a tutto tondo l’offerta e la qualità dei nostri servizi offerti 24 ore su 24, garantendo trasferimenti e viaggi in totale relax, sicurezza, affidabilità, serietà e professionalità – commenta Moreno Caldana, Presidente del Consorzio Uni Auto&Bus –. Nonostante l’anno appena trascorso abbia creato una situazione di completo stallo e incertezza, dovremmo essere all’ultimo miglio di questo incubo. La medicina e la scienza stanno tracciando la strada maestra verso la luce e ci si augura che con il vaccino si plachi finalmente l’ondata epidemiologica e si possa tornare a programmare ed organizzare tutte quelle attività legate a scuola, cultura, lavoro, business e turismo”.
Il Consorzio è certificato ISO9001 e OHSASA1800 e nel pieno rispetto delle normative anti-contagio da COVID-19 vigenti sottopone la totalità del proprio parco mezzi a continue e costanti sanificazioni certificate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.