“Non c’è sostenibilità economica”: ecco perchè l’Alta Velocità snobba Desenzano

Trenitalia ha risposto alla richiesta mossa dal gruppo bresciano di Forza Italia: ridotta la domanda del servizio.

(red.)  “Nelle scorse settimane ho chiesto, unitamente al gruppo bresciano in Regione di Forza Italia, di comprendere quali fossero le ragioni che hanno spinto Trenitalia a ridurre (quasi azzerare), le partenze, dalla stazione di Desenzano, dei Treni Alta Velocità diretti a Milano Centrale e a Venezia”, afferma Claudia Carzeri, Presidente della Commissione Trasporti di Regione Lombardia.

“La Società mi ha confermato che la scelta di ridurre certe fermate, tra cui quella di Desenzano, nasce da una valutazione della sostenibilità economica di ciascun collegamento, che costituisce un fattore di cui Trenitalia deve tenere conto, tanto più in un momento di oggettiva difficoltà per il Paese in generale e per il settore dei trasporti in particolare. Purtroppo, il difficile momento che stiamo vivendo, ha sensibilmente ridotto la domanda del servizio in alcune stazioni, che ha portato a ridurre le tratte”, continua l’esponente di Forza Italia.

Trenitalia mi ha comunque garantito che vi sarà un monitoraggio costante dell’andamento della domanda, al fine di meglio adattare l’offerta e che sono già in corso interlocuzioni con l’amministrazione comunale di Desenzano e con gli operatori turistici del territorio al fine di valutare iniziative che possano incentivare la richiesta di collegamenti Alta Velocità. Io ho ribadito la necessità che il servizio, almeno in questa fase, veda il ripristino delle linee utilizzate dai pendolari, visto che, ad oggi, il primo treno AV diretto a Milano Centrale  in partenza dalla Città di Desenzano è alle ore 9.23, un orario che mal si adatta alle esigenze dei lavoratori che utilizzano, nei giorni infrasettimanali, il Frecciarossa. Sono comunque soddisfatta del positivo e collaborativo rapporto che si è instaurato con Trenitalia, poiché ritengo che in questo momento più che mai, vi sia la necessità di collaborare tra istituzioni per garantire un servizio efficiente e sicuro ai nostri cittadini” conclude Carzeri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.