Valtrompia, il trasporto pubblico nel mirino dei residenti

(red.) Massimo Bertuzzi, coordinatore provinciale dell’Idv di Brescia, residente a Marcheno, ha espresso forti perplessità sul servizio di trasporto pubblico che collega la Valtrompia a Brescia.
“La settimana scorsa ho preso l’autobus in Valtrompia gestito dall’azienda Arriva: il mezzo era pieno di persone e si stava stretti, senza che nessuno badasse alle distanze di sicurezza anti-covid”.
Poi, però, c’è stato un cambiamento: “Questa settimana, invece”, ha spiegato Bertuzzi, “il pullman ha caricato 30 persone invece che 60, e il resto dei ragazzi è rimasto sulla strada. Al ritorno da Brescia, però, il veicolo ha nuovamente caricato tutte le persone in attesa, che per la stragrande maggioranza sono studenti”. Sono molti i residenti in Valle a chiedere che venga fatta chiarezza sul servizio.

 

“La settimana scorsa un gruppo di residenti ha fatto un incontro”, ha aggiunto Bertuzzi, “c’è molta preoccupazione dato che la mattina vengono lasciati a terra tanti ragazzi, e ovviamente le famiglie sono preoccupate. Abbiamo contattato anche alcuni parlamentari bresciani per chiedere aiuto, dato che a livello locale la vicenda sembra non interessare a nessuno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.