Quantcast

Treni, Frecciabianca di Trenord dal 2017

L'azienda lombarda è disposta a proporre i mezzi regionali veloci sulla linea Verona-Milano. Pendolari contrari: bassa frequenza delle corse.

trenord convoglio(red.) La commissione Territorio e Infrastrutture della Regione Lombardia giovedì 7 aprile ha ospitato una riunione, voluta dal consigliere Fabio Rolfi, tra i vertici di Trenitalia, Trenord e i pendolari. Un incontro richiesto per affrontare il disagio dei viaggiatori dopo la nuova politica commerciale di Trenitalia di sostituire entro il 2016 tutti i convogli Frecciabianca con quelli Frecciarossa. Questo vuol dire che i pendolari abbonati a “Carta Plus” e “IoViaggio ovunque in Lombardia” non potranno salire sui nuovi mezzi, almeno che non prenotino e comprino direttamente il posto. Ma visto che la maggior parte degli utenti spesso prende il treno a orari anche diversi o all’ultimo minuto, il cambio di abitudine è praticamente impossibile.
Per questo motivo è arrivata una proposta da Trenord. L’azienda regionale si dice disposta a subentrare a Trenitalia per gestire dal 2017 la circolazione di treni veloci di nuova generazione, simili a quelli già messi sui binari durante il 2015. Si tratta di convogli che si muoverebbero lungo la linea da Verona a Milano con fermate intermedie a Peschiera, Desenzano e Brescia e per quattro o cinque coppie al giorno. In pratica, si muoveranno con una frequenza decisamente inferiore rispetto ai regionali e alle Frecciabianca attuali. Per questo motivo i più contrari sono i pendolari che ritengono insufficiente l’idea di doversi muovere tra Milano e Brescia con intervalli di partenza di più di un’ora.
Chiedono, invece, mezzi che si muovano lungo la linea ogni mezzora e con più fermate intermedie per i collegamenti con gli autobus. Esattamente come fanno i mezzi regionali. Trenitalia conferma la volontà di dover prenotare i posti sui Frecciarossa e rimborserà la parte di abbonamento non più utilizzabile dai pendolari, ma gli utenti, soprattutto i bresciani più numerosi, chiedono soluzioni. Sono 31 mila i clienti di Trenord, in aumento di un quarto in cinque anni e di cui oltre 10 mila i bresciani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.