Tav, “shunt a Montichiari costoso”

Lo dice il nuovo amministratore delegato bresciano di Ferrovie dello Stato Renato Mazzoncini. Per Brescia "sarà opportunità unica con metro".

Più informazioni su

Mazzoncini(red.) Giovedì 3 dicembre a Roma è stato presentato il nuovo consiglio di amministrazione delle Ferrovie dello Stato che vede, come amministratore delegato, il bresciano Renato Mazzoncini, di 47 anni. Con la stampa si è parlato di piazzare una quota sul mercato fino al 40% e della volontà di portare la società in Borsa a Piazza Affari. Si è discusso del piano industriale e della riforma prevista entro la metà del 2016, insieme alla volontà di lasciare pubblica la proprietà dei binari. Da bresciano, secondo quanto riporta Bresciaoggi, ha voluto trattare alcuni punti legati ai trasporti e alle infrastrutture previste. A partire dal fatto che la metropolitana, disposta su una sola linea, abbia richiesto molte risorse.
Per questo motivo, ritiene che non potranno essere costruire nuove corsie per i costi eccessivi, ma potrebbe sfruttare il fatto di passare dalla stazione ferroviaria dove, nell’ambito dell’alta velocità, i binari saranno quadruplicati. Di fatto, secondo Mazzoncini, con i collegamenti forniti attraverso la metro, i binari saranno un punto di riferimento unico su tutti gli assi. E smorza gli entusiasmi sul fatto di allestire una stazione a Montichiari. Secondo l’amministratore delegato, i costi sarebbero proibiti e sminuirebbe il valore di Brescia che, dal punto di vista commerciale, è ritenuta ideale nei collegamenti con Milano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.