Quantcast

Treni senza aria, pendolari all’attacco

I viaggiatori sui convogli di Trenord, anche bresciani, hanno avviato una petizione online per mancanza di aria condizionata. Non bastano più le scuse.

Più informazioni su

Trenord(red.) Contro il malfunzionamento dell’aria condizionata sui treni, i pendolari hanno avviato una petizione online. Tra chi viaggia sui binari per motivi di studio e lavoro ci sono anche migliaia di bresciani che ogni giorno devono affrontare ritardi, scarsi servizi e la canicola di questi giorni. Presentarsi anche già di mattina presto con le temperature oltre i 35 gradi, umidità alle stelle e aria refrigerante nei convogli a singhiozzo ha creato molti problemi.
La compagnia regionale Trenord si è scusata pubblicamente per lo scarso rendimento del condizionatore, dovuto all’eccessivo caldo che ne ha bloccato l’uso. Tra l’altro, impianti nuovi installati su convogli che però hanno più di trent’anni e che per questo si sono dovuti fermare. Ma ai viaggiatori le scuse non bastano più. Adesso vogliono i danni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.