Marito e moglie bresciani vittime di un incidente in Svizzera

Lo scooterone sul quale Roberto Comelli e Roberta Brognoli viaggiavano sulla strada per il passo Bernina è rimasto coinvolto in un incidente stradale provocato da due vetture. Inutili i soccorsi.

incidente Bernina Roberto Comelli Roberta Brognoli

Sarezzo. Roberto Comelli e Roberta Brognoli, 52 e 57 anni, marito e moglie sposati da poco più di un mese e residenti a Sarezzo, hanno perso la vita lunedì pomeriggio mentre si trovavano insieme su un maxi scooter, a causa di un gravissimo incidente avvenuto in Svizzera sulla strada del passo Bernina.
Lo schianto si è verificato nel primo pomeriggio di lunedì quando i coniugi valtrumplini stavano viaggiando da La Rösa in direzione San Carlo sulla strada H29. Secondo la polizia elvetica,  in località Plana Scüra lo scooter dei bresciani è stato coinvolto nell’incidente provocato da un’automobile che, durante il sorpasso della moto, avrebbe urtato un altro veicolo. Le vetture si sono toccate e i guidatori ne hanno perso il controllo: alla guida di una delle auto c’era un italiano di 40 anni, dell’altra uno svizzero 28enne.
Purtroppo ad avere la peggio sono stati i bresciani a bordo della due ruote che è caduta. Roberto Comelli è finito a terra sull’asfalto, mentre Roberta Brognoli è stata sbalzata oltre il guard rail. Per loro i soccorsi sono stati inutili: entrambi sono spirati sul posto nonostante i tentativi di rianimazione effettuati da parte degli equipaggi dell’ambulanza dell’ospedale di Poschiavo e della Rega. La polizia cantonale dei Grigioni cerca testimoni per chiarire la dinamica del terribile scontro.
Roberto Comelli, di Brescia, dipendente Iveco e Roberta Brognoli, originaria di Marcheno che lavorava a Gardone Val Trompia presso la Rsa Beretta, entrambi con un matrimonio alle spalle, si erano sposati circa un mese fa andando a vivere insieme a Sarezzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.