Quantcast

Pontevico, inaugurata la nuova variante per Robecco d’Oglio

(red.) È stata inaugurata questa mattina la nuova variante extra urbana alla SP ex SS 45bis situata tra i comuni di Pontevico (Brescia) e Robecco d’Oglio (Cremona), prevista nell’ambito degli interventi sulla viabilità ordinaria principale di adduzione all’autostrada A21 Cremona-Brescia.
Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, Claudia Maria Terzi – Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Regione Lombardia, Samuele Alghisi – Presidente Provincia Brescia, Paolo Mirko Signoroni – Presidente Provincia Cremona, Alessandra Azzini – Sindaco di Pontevico (BS), Marco Romeo Pipperi – Sindaco di Robecco D’Oglio (CR) e Claudio Vezzosi – AD di Autovia Padana.

 

Claudio Vezzosi, Amministratore Delegato di Autovia Padana, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di aver consegnato ai comuni di Pontevico e Robecco d’Oglio un’opera tanto attesa e così importante per il territorio dal punto di vista sociale e ambientale. Dal subentro di Autovia Padana nella concessione autostradale dell’A21 Cremona-Brescia intervenuto nel marzo 2018, ci siamo posti come obiettivo primario quello di realizzare le opere accessorie all’arteria autostradale, viabilità di vitale importanza per le comunità interessate. Già in data 25/09/2020 è stata completata la viabilità di adduzione alla A21 in Piacenza, con l’adeguamento della SP6 di Carpaneto e la conseguente risoluzione dell’attraversamento, da parte dei mezzi pesanti, degli abitati di Podenzano e San Giorgio Piacentino. Oggi è un ulteriore giorno importante, con la consegna della Variante alla Sp45 alle province di Brescia e Cremona. Continuiamo inoltre a lavorare sull’ultimo intervento, il completamento della Corda Molle fra Azzano Mella e Ospitaletto, che confidiamo di poter concludere entro il 2023. Il prossimo importante obiettivo di Autovia Padana è costituito, infine, dalla realizzazione della nuova bretella autostradale da Castelvetro verso le SS10 “Padana Inferiore” e SS234, di circa 10 km, con la costruzione di un nuovo ponte sul fiume Po. Si stanno avviando le procedure per il rinnovo delle autorizzazioni a suo tempo rese dagli Enti competenti sul progetto dell’opera che, si ricorda, interesserà le Regioni Emilia-Romagna e Lombardia”.

 

Sono numerose le ricadute positive sul territorio conseguenti all’entrata in esercizio del nuovo tratto di tangenziale della Sp45, che consentirà al traffico veicolare di muoversi lungo direttrici completamente extra urbane, al di fuori dei centri abitati dei Comuni di Pontevico e Robecco d’Oglio.
Tra queste, l’eliminazione della condizione di criticità funzionale ed ambientale rappresentata dall’arteria attualmente esistente, tramite la realizzazione di un nuovo semi-anello viario di circonvallazione ai due centri abitati che si inserisce in un territorio a prevalente destinazione agricola, segnato dalla presenza del fiume Oglio, andando a potenziare il collegamento tra l’autostrada A21 (casello di Pontevico-Robecco) ed il bacino di utenza che si estende a lato dei due Comuni.
La nuova arteria consentirà di deviare il traffico, in particolare dei mezzi pesanti, da e per l’autostrada dalla viabilità ordinaria, con chiare implicazioni sulla sicurezza e sulla salute pubblica (qualità dell’aria, rumore, vibrazioni) e, in generale, sulla qualità di vita nei due centri abitati; evidenti, dunque, i grandi benefici garantiti dalla nuova infrastruttura.
La variante si estende per una lunghezza complessiva di circa 3,7 km, con una sezione stradale di tipo C1 ed una conseguente larghezza complessiva della carreggiata di m 10,50. L’opera d’arte principale è rappresentata dal nuovo ponte sul fiume Oglio, il cui corso segna il confine tra le Province di Brescia e Cremona; da sottolineare inoltre la realizzazione dei sovrappassi della Sp21 e della Strada delle Muse e dei sottopassi S.C. del Porto e S.C. delle Gerre.
L’impegno al completamento della nuova viabilità extraurbana secondaria, atteso dal territorio da oltre 15 anni e confermato da parte del Gruppo ASTM immediatamente dopo il subentro di Autovia Padana nella concessione autostradale per la A21 Cremona-Brescia, ha portato alla consegna dei lavori già nel novembre 2019, a seguito del rinnovo delle autorizzazioni e dell’acquisizione delle aree oggetto di esproprio.
La realizzazione del nuovo tratto di viabilità è avvenuta sotto il coordinamento di Itinera, tra i maggiori player globali nella realizzazione di grandi opere infrastrutturali e di edilizia civile e industriale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.