Ferraboli e Gaetarelli lanciano il tortello allo spiedo bresciano

(red.) Una sfida, nata quasi per gioco, tra due aziende che rappresentano l’eccellenza bresciana nei loro diversi settori, entrambe associate alla Cna: creare il primo tortello allo spiedo bresciano. Il pastificio Gaetarelli di Salò e la Ferraboli srl di Prevalle (girarrosti e barbecue) lanciano sul mercato una novità,  un tortello in grado di deliziare i palati in maniera smart, senza aspettare il pranzo della domenica, che richiede tempo.

La sperimentazione è durata diversi mesi, con moltissimi test di cottura, ma ne è uscito un prodotto dal ripieno morbido e gustoso, dalla pasta con lo spessore giusto per esaltarlo, dalla qualità che consente al consumatore l’immediata percezione del gusto unico dello spiedo bresciano.
Il tortello sarà immesso sul mercato nelle prossime settimane a firma di entrambe le aziende, presenti da più di cinquant’anni, e con un’operazione commerciale e di marketing congiunta in grado di valorizzare i clienti di ciascuna e la storia, la qualità, il territorio e la cultura culinaria bresciana.

Il progetto è stato presentato venerdì 12 febbraio nella sede del pastificio Gaetarelli a Salò, alla presenza, oltre che della presidente di Cna Brescia Eleonora Rigotti e dei titolari Massimo Gaetarelli e Mimma Ferraboli, del consigliere regionale Claudia Carzeri e del vicesindaco di Salò Federico Bana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.