Brescia, sgombero all’ex Ideal Standard. Iniziano i primi lavori

Ieri mattina operai sono stati anticipati dalla Polizia Locale che ha identificato cinque stranieri senza documenti.

(red.) Quella di ieri, lunedì 27 gennaio, è stata un’altra giornata importante dal punto di vista urbanistico a Brescia al vecchio stabilimento dell’Ideal Standard, in via Milano. Infatti, i primi operai di un’azienda sono entrati nell’area di 90 mila metri quadrati per iniziare i lavori di rimozione e recupero delle cisterne. Ma l’ingresso non è stato facile, visto che gli addetti hanno avuto bisogno di essere scortati all’interno dagli agenti della Polizia Locale.

L’ex Ideal Standard, come noto, è da tempo un’area usata da senza tetto, tossicodipendenti e spacciatori che hanno indotto le forze dell’ordine a una serie di interventi di sgombero. Ma mai risolutivi, visto che in qualche modo queste persone riescono sempre ad accedere ai locali. E così è stato anche ieri, lunedì, quando la municipale, che ha anticipato gli operai, ha scovato cinque soggetti stranieri tutti senza documenti e quindi condotti al comando di via Donegani per essere identificati.

Almeno per una settimana, l’area non dovrebbe essere una zona franca, visto che i lavori di rimozione delle cisterne dureranno per una serie di giorni. Al posto dell’Ideal Standard, come da progetto, troveranno spazio un teatro, laboratori e un parcheggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.