Con Giuliana Musso, “La fabbrica dei preti” nel chiostro Santa Chiara

Un reportage della vita nei seminari, tre album fotografici e tre testimonianze nell'ultimo lavoro dell'artista vicentina, in cartellone il 12 e 13 luglio per la stagione estiva del Centro teatrale bresciano.

Brescia. L’ultimo appuntamento della rassegna del Centro teatrale bresciano D’estate al Chiostro, va in scena il 12 e 13 luglio alle ore 21,30 con La fabbrica dei preti di e con Giuliana Musso (spettacolo prodotto da La corte ospitale) nel Chiostro Santa Chiara del Teatro Mina Mezzadri (contrada Santa Chiara 50/A).
Ultimo lavoro di indagine e scrittura dell’artista vicentina, lo spettacolo intreccia tre diverse forme di racconto: un reportage della vita nei seminari, la proiezione di tre album fotografici e la testimonianza vibrante di tre personaggi, un timido ex-prete, un ironico prete anticlericale e un prete poeta/operaio. Tre uomini anziani che si raccontano con franchezza, dalla giovinezza in un seminario, ai tabù, alle regole, gerarchie, e poi l’impatto col mondo e con le donne. E raccontando di loro, lo spettacolo ci racconta anche di noi, delle nostre buffe ipocrisie, paure, fragilità e della bellezza dell’essere umano.
“I seminari degli anni ’50 e ’60 hanno formato una generazione di preti che sono stati ordinati negli anni in cui si chiudeva il Concilio Vaticano II e si apriva l’era delle speranze post-conciliari. Una generazione che fa il bilancio di una vita”, scrive Giuliana Musso. “Una vita da preti che ha attraversato la storia contemporanea e sta assistendo al crollo dello stesso mondo che li ha generati. La dimensione umana dei sacerdoti è un piccolo tabù sul quale vale la pena di alzare il velo per rimettere l’essere umano e i suoi bisogni al centro o, meglio, al di sopra di ogni norma e ogni dottrina. I seminari di qualche decennio fa hanno operato per dissociare il mondo affettivo dei piccoli futuri preti dalla loro dimensione spirituale e devozionale. Molti di quei piccoli preti hanno trascorso la vita cercando coraggiosamente uno spazio in cui ciò che era stato separato e represso durante la loro formazione si potesse riunire e liberare. A questi preti innamorati della vita ci piacerebbe dare voce e ritrovare insieme a loro la nostra stessa battaglia per tenere insieme i pezzi”.
Biglietti D’estate al Chiostro: intero 15,00 euro;  ridotto (under 18) 13,00 euro.
Modalità di acquisto: Punto vendita Ctb Piazza della Loggia 6, dal 5 al 15 luglio è aperto unicamente il Punto vendita Ctb con i seguenti orari: martedì-venerdì h 10.00-13.00/15.00-18.00.
Online sul sito vivaticket.it e in tutti i punti vendita del circuito vivaticket (esclusivamente i biglietti singoli).
La biglietteria del Teatro Mina Mezzadri sarà attiva esclusivamente nelle sere di spettacolo, a partire da 30 minuti prima dell’inizio della rappresentazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.