Strage di Piazza Loggia, spettacolo del Ctb per non dimenticare

Più informazioni su

    Brescia. In occasione dell’anniversario della strage di Piazza della Loggia, di cui il 28 maggio prossimo ricorre il 48° anniversario, il Centro Teatrale Bresciano promuove lo spettacolo fuori abbonamento Il rumore del silenzio con Laura Curino e Renato Sarti, due grandissimi interpreti del teatro di narrazione che in questo progetto portano al centro le vite e i ricordi delle persone che vissero in prima persona i tragici fatti di Piazza Fontana. Lo spettacolo sarà in scena al Teatro Sociale, il 23 maggio 2022 alle ore 20.30.

    Finalista al 55° Premio Riccione per il Teatro, Il rumore del silenzio andrà in scena lunedì 23 maggio 2022 al Teatro Sociale di Brescia (via F. Cavallotti, 20) alle ore 20.30, testo e regia di Renato Sarti, con Laura Curino e Renato Sarti, disegni Ugo Pierri e Giulio Peranzoni, video installazione di Fabio Bettonica, musiche originali di Carlo Boccadoro, assistenti alla drammaturgia Salvatore Burruano, Chicco Dossi; una produzione Teatro della Cooperativa.

    Lo spettacolo rientra nelle iniziative organizzate da Casa della Memoria di Brescia in occasione dell’anniversario della strage di Piazza della Loggia.

    Il 12 dicembre del 1969 alle 16 e 37, nella Banca dell’Agricoltura di piazza Fontana a Milano, esplose una bomba che causò la morte di 17 persone e ne ferì 86.

    A oltre cinquant’anni di distanza da quei tragici fatti, Il rumore del silenzio offre una commovente prova di narrazione “costruita con grande sapienza drammaturgica, passione civile e capacità di indagare e restituire la dimensione tragica delle vite “normali” di uomini e donne travolte dalla strage di Piazza Fontana” così la Giuria del Premio Riccione. Concentrando l’attenzione soprattutto sugli aspetti umani, quelli circoscritti alla sfera prettamente personale, il quotidiano si trasforma in Storia, nella convinzione che il teatro, anche quando tratta temi come questo, sempre dai legami affettivi e dai sentimenti umani più profondi deve partire o, dopo un lungo percorso, arrivare.

    Renato Sarti dà voce e vita al dolore dei parenti delle vittime della strage, del mondo rurale da cui provenivano: il lavoro, la fatica, l’attaccamento alla terra, alla famiglia e a quella Patria alla quale, come soldati, molti avevano dato un notevole contributo di sofferenza durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. Laura Curino racconta e anima il ritratto di Licia Rognini, moglie di Giuseppe Pinelli, uomo simbolo della tradizione anarchica libertaria e che nel 2009 fu riconosciuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano come diciottesima vittima della strage.

    Biglietti

    Intero

    platea 27 €

    I galleria 20 €

    II galleria 18 €

    III galleria 15 €
    ridotto gruppi*

    platea 25 €

    I galleria 18 €

    II galleria 16 €

    III galleria 13 €
    ridotto speciale**

    platea 20 €

    I galleria 16 €

    II galleria 14 €

    III galleria 11 €

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.